La catastrofe della Costa Concordia

trentadue morti, settanta feriti e mancano ancora all’appello 2 persone. Questo è il bilancio del terribile naufragio.

Ore 21:13, un grande boato, la nave è scossa, piatti e bicchieri volano in terra.

“E’ tutto sotto controllo”, dichiara il capitano Francesco Schettino (52). Ma in realtà egli ha diretto la nave troppo vicino alla costa dell’isola del Giglio. Non appena Franco si è reso conto del disastro perché la nave dava i primi segnali di affondamento, ha immediatamente inviato l’SOS (Save Our Soluls – Salvate le nostre vite).

I passeggeri sono entrati in panico iniziando a correre il più velocemente possibile verso le scialuppe. Le testimonianze di alcuni sopravvissuti attestano che alcuni si sono aperti l’accesso alle scialuppe con la forza, addirittura aggredendo e prendendo a pugni gli altri passeggeri. Un uomo di settant’anni si tuffa nell’acqua gelida e muore d’infarto. L’unico pensiero nella mente di ognuno in questi momenti angosciosi è: mi salverò?

Ma questa frase non dovrebbe essere così scontata e impellente solo quando la nostra vita si trova in grave pericolo, ma anche oggi, in questo momento, quando meno ci aspettiamo che qualcosa del genere ci possa accadere. Anche se non ne sentiamo il bisogno o non ci pensiamo neanche, abbiamo bisogno di un Salvatore.

La Bibbia dice che noi tutti abbiamo mancato il bersaglio, e più precisamente, tutti abbiamo peccato e ci troviamo lontani da Dio, separati dalla Sua gloria.

Ma la notizia meravigliosa, la buona notizia, il Vangelo, è che Dio, nonostante questa separazione, ci ha amato e continua ad amarci: ha mandato Suo Figlio per salvare tutti gli uomini, in eterno.

Ma adesso tocca a noi fare la nostra scelta: non rimaniamo lontani dall’amore di Dio, afferriamolo, per poter cogliere la vera vita, in questo mondo e per l’eternità.

LA NAVE DELLA NOSTRA VITA É SULLA ROTTA SBAGLIATA E CORRE IL RISCHIO DI NAUFRAGARE.

Gesù disse: “In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha vita eterna; e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita” (Vangelo di Giovanni, 5:24)

Manda il tuo SOS, il segnale a Gesù Cristo, perché il Suo nome significa: Dio salva.